Le vacanze di nonni e bisnonni

Le vacanze di nonni e bisnonni

Un Museo documenta la storia del turismo balneare a Bellaria

Pubblicato in data 


Richiedi informazioni
Certe foto parlano più di ogni altri discorso. E al Museo cittadino Qualcosa di noi di immagini che documentano il recente passato di Bellaria Igea Marina ce ne sono molte e tutte di grande suggestione. Si vedono angoli della città completamente irriconoscibili, tanto lo sviluppo turistico li ha trasformati; si ammirano scorci di spiaggia, con persone in costume d'epoca, che fanno capire quanto tempo sia trascorso; si osservano con sorpresa i volti di uomini e donne che probabilmente erano i bisnonni o forse i trisnonni delle persone che incontriamo oggi.
 
Quello che è visitabile all'ex macello comunale, dall'altra parte del fiume rispetto all'Hotel Vienna, è un museo della memoria che ha coinvolto nella realizzazione gli anziani e le anziane, con i loro ricordi vivi sulla Bellaria di decine di anni fa; i pescatori, gli albergatori, i bagnini: insonna tutte quelle categorie economiche che intorno al mare e al turismo hanno trovato la fonte del loro lavoro e che, grazie alla loro laboriosità ed intraprendenza, hanno contribuito a far crescere la città;  molti cittadini che hanno voluto partecipare per interesse e curiosità.


La storia e le tradizioni di Bellaria in un Museo


Il risultato è pertanto un'opera corale, un racconto collettivo che comunica a noi stessi e ai nostri ospiti "qualcosa di noi", della nostra storia, della nostra cultura, delle nostre abitudini, delle nostre tradizioni.

Si scopre cos'ì come è nato il turismo a Bellaria: con i primi villini a inizio Novecento costruiti dalle famiglie benestanti per trascorrere le vacanze al mare; con le famiglie che mettevano a disposizione la propria casa per i villeggianti e durate tutta l'estate si ritiravano nel capanno costruito accanto all'abitazione; con i primi alberghi, realizzati da intrapredenti pionieri con cambiali su cambiali.

Varcando la porta d’ingresso del Museo i visitatori sono coinvolti in un suggestivo viaggio nel tempo: ecco i pescatori al lavoro, spuntano le grintose pescivendole che in bicicletta andavano a vendere il pesce anche a chilometri di distanza; si racconta dei  primi villeggianti, la vita nel dopoguerra e l’inarrestabile evoluzione e i cambiamenti nei costumi; si conoscono i divertimenti, i personaggi famosi in città, la moda, le spiagge,  i mezzi di trasporto usati, gli oggetti della tavola, i souvenir, i primi poster e le primeimmagini pubblicitarie, la prima edicola, il primo carrettino dei gelati e i tanti stravaganti mestieri del turismo.

Il museo non è un’esposizione statica, ma un continuo aggiungersi di nuovi dettagli e reperti donati e conservati per tutti. Una parte è prevalentemente dedicata ai temi della marineria, l’altra si sviluppa intorno alla storia del turismo balneare. Ve ne abbiamo parlato in quest blog perchè non perdiate l'occasione, durante le vostre vacanze a Bellaria, di visitare un museo che vi farà meglio conoscere ed apprezzare la localitò che avete scelto per i vostri giorni di svago e riposo.

Richiedi informazioni
Close

Richiesta Informazioni per "Le vacanze di nonni e bisnonni"